cerca

La vera antipolitica è familiare

19 Novembre 2008 alle 09:29

Prendo spunto da Pellicciari al quale faccio le congratulazioni per la seconda figlia. Antonio Forte spiega piuttosto bene che • l’aborto “spinto” e il declino della famiglia hanno prodotto una crisi demografica che, anche badando strettamente all’aspetto economico (che poi è il solo ormai che sembra contare), ha portato ovviamente meno capitale umano; • alla lunga con la denatalità galoppante il sistema salta, amenochè si è costretti ad importare forza lavoro immigrata; • l’unico baluardo che si erge contro la crisi demografica è la famiglia. Però della famiglia non gliene frega niente a nessuno un po’ sarà perché alla sinistra non interessa neanche cosa sia, mai che abbia sentito in tutti questi anni un’intervento a favore. E’ presa completamente dal mondo del lavoro. E in famiglia, si sa, i figli più giovani non lavorano. Alla destra liberista importa il consumo, quindi dovrebbe almeno provare un po’ più di interesse, considerato quello che i figli consumano. Ma niente di niente, considera più importante Alitalia. Mi sembra una battaglia persa; faccio i complimenti a chi si sforza di parlare di famiglia, credo che gli sembrerà di parlare in aramaico con dei sioux . O qualche sindacato non di sinistra (semplicemente per i motivi di cui sopra) si sveglia e fa il grande passo, diventando il sindacato anche delle famiglie e non solo dei lavoratori, o sulla famiglia non si cava un ragno da un buco. A rigor di logica lo dovrebbe fare la CISL, ma secondo me va a finire che la Polverini…

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi