cerca

Paura di non farcela a laurearsi, questo è il vero malessere degli studenti che protestano

18 Novembre 2008 alle 16:00

Era là a Matrix, la bella studentessa venuta dall'Onda, per spiegare le dimostrazioni degli studenti avversi alla legge Gelmini. A vederla faceva tenerezza, come se a quel posto sedesse una nostra figlia, preoccupata per il suo futuro. -Tutti debbono avere le stesse possibilità di studiare- ripeteva, -anche quelli che non hanno soldi abbastanza per pagarsi la trasferta lontano da casa. Mentana e gli altri la trattavano con dolcezza, come se fosse una cosa fragile che potrebbe rompersi al primo contatto. Quando, tuttavia, qualcuno cercava di farle capire che l'ingresso agli studi va garantito a tutti in partenza, ma che poi bisogna puntare sulla meritocrazia, su quelli che hanno veramente la stoffa di imparare e di mettere a profitto ciò che hanno imparato, la ragazzina continuava a ripetere che lo studio è un diritto per tutti, e che tutti hanno diritto alla laurea, poi, se dopo laureati non trovano un lavoro, sono questioni personali. Alla fine si è capito cosa voleva dire lei, cosa vogliono dire le migliaia di studenti che scendono in piazza e occupano le aule contro la Gelmini; hanno paura che se nelle Università italiane entra la meritocrazia, se vanno avanti solamente quelli che lo hanno meritato, molti di loro, che avevano pensato di ottenere la laurea anche se non sapevano molto, anche se dopo la laurea commettevano degli errori di ortografia come i ragazzini delle elementari, alla laurea non ci arriverebbero mai. Insomma, per loro diritto allo studio ha sempre significato diritto alla laurea, anche se ignoranti. Ora si trovano confrontati con la meritocrazia e hanno paura di non farcela, hanno paura di doversi cercare un posto da meccanico o imbianchino, e protestano contro i grembiulini, contro il maestro unico, contro il taglio degli sprechi,ecc. Sono vissuti fino ad oggi in un mondo fantastico, e si vedono improvvisamente confrontati con la realtà, e questo non vogliono accettarlo. Questo è il loro malessere, non i tagli agli sprechi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi