cerca

La cultura (?) della vita

14 Novembre 2008 alle 18:45

Al di là della retorica, che come è noto, può rendere convincente qualunque tesi, mi piacerebbe davvero capire questa ondata di indignazione levatasi sul caso Englaro. Su questi fatti credo si possa convenire: un padre ottiene per conto della propria figlia in coma persistente da 16 anni l'autorizzazione giudiziale a rifiutare le cure vitali. Le prima questione è: Il nostro ordinamento consente il rifiuto di cure vitali? La risposta è: sì, a condizione che la richiesta provenga dal soggetto direttamente interessato debitamente informato. Ne consegue che la Cassazione ha agito nell'ambito dell'ordinamento vigente e quindi sul punto non dovrebbe esserci discussione. Decisivo diventa allora stabilire se una richiesta del genere possa essere fatta da un soggetto diverso da quello direttamente interessato qualora questi sia in stato di persistente incoscienza. La risposta in questo caso è, no, in linea di principio, ma non senza eccezioni. Intendo dire che la tutela legale del paziente è insufficiente a legittimare un terzo: in gioco qui non è la protezione di un interesse ma l'accertamento della volontà di una persona. Sono convinto che nel caso Englaro la Corte abbia potuto ragionevolmente ritenere la richiesta di Beppino direttamente fondata sulla volontà di Eluana e ciò non solo cercando conferme nelle testimonianze di parenti e conoscenti ma apprezzando prudentemente tutti gli elementi di riflessione offerti dal caso. Perchè, per parlar chiaro, quale motivazione spiegherebbe la determinazione di Beppino? Vantaggi materiali non gliene derivano e se fosse indifferenza si sarebbe limitato ad abbandonarla alla cura degli infermieri fregandosene all'insaputa del mondo. La vicenda Englaro era e resta una questione privata di coscienza e ogni ingerenza come ogni generalizzazione è moralismo della peggior specie. Credere di poter disporre della vita altrui è certo meno giustificabile del sentirsi liberi di disporre della propria vita. Cultura(?) della vita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi