cerca

Tanasia, non eu

13 Novembre 2008 alle 19:37

La cassazione ha deciso: il sondino che alimenta Eluana Englaro verrà staccato. Io non so, e nessuno lo sa, se sia giusto "patire le pietre e le frecce d'una avversa sorte"; la mia opinione vale quanto quella degli altri: il mistero della morte e della vita non puo' essere sbattuto in prima pagina, non puo' essere oggetto di dibattito politico, tantomeno bandiera per nessuno;la sofferenza e la morte vanno rispettate,si piange da soli, e da soli si muore. C'è soltanto una cosa che m'inquieta:se il potere giudiziario concorda con la volontà d'un padre disperato e sancisce che un corpo senza coscienza non vive vita degna d'essere vissuta, allora perche non una "buona morte"?Perchè non un'iniezione che accompagni dolcemente Eluana dal lungo sonno al riposo eterno, senza sofferenza? Chi puo' dire con certezza che questa giovane non soffra i morsi della fame e l'arsura della sete senza aver voce per chiedere acqua e cibo? chi? C'è qualche luminare della scienza che lo possa affermare con certezza? Cos'è ipocrisia? Vigliaccheria? conformismo, non avere il coraggio di prescrivere una puntura che escluda la possibilità d'una sofferenza atroce e inesprimibile? chiunque abbia un minimo di simpatia per le specie animali altre dall'uomo ha fatto l'esperienza di raccogliere un uccellino agonizzante o di scamazzare inavvertitamente un ragno e di doverli con pena sopprimere per non farli soffrire.A qualcuno è capitato doverlo fare, senza clamore, e con immenso dolore, per un familiare. Se non acqua, se non cibo, una siringa.Ci vuole coraggio.Altrimenti eutanasia non è.E' mostruosa tanasia,tout court.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi