cerca

Scetticismo minimalista

7 Novembre 2008 alle 19:25

“Il minimalismo rancoroso dei detrattori arrabbiati ci ha stancato” si legge nella Reunion riguardo al Presidente Obama. Mi riconosco come detrattore minimalista, non rancoroso però, né arrabbiato. Penso sia lecito nutrire qualche dubbio, anche spudorato o di basso profilo, sui facili entusiasmi e gli azzardi analitici riguardanti il neoeletto presidente americano. Non ancora insediato alla Casa Bianca, gli si è fatto il processo alle intenzioni, lo si è caricato di aspettative epocali, ovviamente in chiara antitesi con gli otto anni di presidenza Bush. Può stupire ed entusiasmare che gli USA abbiano eletto un presidente nero ma è sconcertante che questa novità sia giudicata patente di assoluta freschezza politica e progresso incondizionato. L’altra faccia della medaglia è che l’Europa, con il suo plauso talvolta scomposto ad Obama, abbia dimostrato al contrario di essere ancora preda di antichi pregiudizi razziali e sociali, rallegrandosi per qualcosa che non è ancora in grado di pensare e fare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi