cerca

Luigi Obama XIV

6 Novembre 2008 alle 19:49

Mi continuo a chiedere - sconcertato - come facciano tante persone - tra cui pure politici o giornalisti "avvertiti" - a sapere, con certosina precisione, cosa farà il presidente Obama adesso che è stato eletto e quali conseguenze avranno le sue decisioni sulla nostra vita. Ce lo hanno spiegato, approfonditamente, dai giornali, dai blog, dai TG, dai salotti televisivi serali. Ne sono doppiamente meravigliato intanto perchè molte delle cose illustrateci come sicure nè Obama, nè McCain si sarebbero mai sognati di prometterle in campagna elettorale per non incorrere nelle "ipersensibilità accertate" dei sondaggi "ad horas" di cui gli americani sono maestri e poi perchè attribuire alle decisioni di una sola persona le planetarie conseguenze di sui si blatera in questi giorni da più parti equivale a sostenere che non di presidente democraticamente eletto stiamo parlando, ma di redivivo sovrano assoluto. A me pare, piuttosto, che in molti abbiano esercitato la puerile facoltà di affidare ad Obama la realizzazione dei propri desideri, dimenticando, appunto che Obama è stato eletto da una grande nazione che tale è stata nel passato e che tale promette di voler continuare ad essere nel futuro. Mi sa che sognando un nuovo Re Sole - sol perchè l'erede ha la pelle di un colore diverso - moltissimi resteranno amaramente delusi. A cominciare dai mutui per finire all’Afghanistan.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi