cerca

Una chiacchierata con Berlusconi

17 Ottobre 2008 alle 12:10

Fa piacere sapere che anche il Ministro dei Beni Culturali, Sandro Bondi, è preoccupato della crisi nella quale versa la carta stampata: troppi giornali, troppe pagine, troppo gonfi, concordo al 100 per cento. Però se la cosa che più lo preoccupa è l’assenza di un’opinione pubblica matura, colta, civile, con una maggioranza che si ostina a restare indifferente alla cultura scritta, dovrebbe fare una semplice cosa, parlarne con Berlusconi. Perché Berlusconi? Perché avrà un sacco di pregi, sarà anche l’amor Vostro (come scrive “Andrea’s version”), ma è Lui la tv di oggi e degli ultimi 15 anni, quella tv che i quotidiani hanno inseguito e stanno inseguendo. Ci meritiamo qualche quotidiano in meno ma scritto bene e più ristretto, e non ci meritiamo più quella che è diventata la “brutta tv” di cui si lamenta Fiorello. Io fossi in Bondi una chiacchierata di qualche ora con Berlusconi sullo stato dei quotidiani e il rapporto con la tv la farei.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi