cerca

Uomini che odiano le donne II

13 Ottobre 2008 alle 20:35

Gentile Signora Briganti, si, è tutto vero, anche visto da un’onesta ottica maschile. Quello che lamenta in noi è l’assenza di educazione sentimentale, mi permetto però di dire che non sia una carenza del tutto maschile. La società individualista di cui parla si può anche vedere come risultato di innumerevoli compensazioni, emotive e sentimentali, la “modernità” non ha fatto altro che marcare la diacronia tra sessi. Gaber più o meno cantava così: “La donna quando nasce è già donna, l’uomo invece deve diventare uomo e non è detto che ci riesca”. Questa connaturata fragilità lo pone su blocchi di partenza esistenziali, da sempre. Vizio femminile è stato invece il credere di dover competere, dimenticando di partire dal traguardo. Lungi da noi, uomini fatti e aspiranti tali, il vittimismo, abbiamo mitigato e reso civiltà la ferocia della sopravvivenza. Ora viviamo tristemente l’inizio del processo opposto e forse non c’è il tempo né la voglia di condividere le presunte conquiste dell’universo femminile, vissute anzi sottopelle come una sorta di plagio, anche dalle donne stesse. Però non è detta l’ultima parola: la donna, in veste di madre, può fare molto perché l’evanescenza sentimentale del presente sia spazzata via dall’amore negli uomini di domani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi