cerca

La Parola che rischiara

13 Ottobre 2008 alle 14:00

Ieri, al posto del consueto articolone di Vito Mancuso, la terza pagina del Foglio propone l'intervista a Chiara Lubich: la differenza fra la Parola feconda, perchè vissuta "alla lettera" attimo per attimo nel quotidiano - da Chiara - e la Parola interpretata, filtrata da "strati" di sapere umano, messa da parte, quasi, per fare spazio alle parole del teologo. La differenza, appunto, fra la Parola che rischiara e le parole che confondono.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi