cerca

E se ora si alzasse?....

13 Ottobre 2008 alle 13:59

Comunque uno la pensi, è stato di cattivo gusto e, francamente, mi ha lasciato una sensazione alquanto sgradevole, quando i media televisivi hanno dato l'annuncio della ripresa dell'amica Eluana. "Il padre è corso in ospedale alla notizia dell'aggravamento della figlia -hanno detto sinteticamente i giornalisti- ma poi, purtoppo, è dovuto tornare a casa, avendo riscontrato che Eluana si era ripresa, da sola, senza accanimento terapeutico!" Anzi, il medico lo ha ribadito a chiare note: "Assolutamente non le abbiamo prestato assistenza: ha fatto tutto da sola!". Non voleva essere tacciato per uno che va in giro ad aiutare i malati gravi senza speranza. Confesso che ho dovuto domandare ad altri se avessi compreso il concetto della notizia. In pratica nessuno ha esultato perché Eluana ce l'ha fatta da sola. Generalmente si apetta che uno crepi, prima di riconoscere, anche umanamente e giustamente: "forse è stato meglio che se ne sia andata..." ma addirittura affermarlo in TV anzitempo, è stato molto penoso, anche per chi si augura che questo dramma finisca presto con la pace dei sensi, ma anche magari con un miracolo, che Eluana si alzi e dica: cos' è successo? Pensate che smacco sarebbe per la medicina e per i super sapienti laicissimi. Si dovrebbero rivoluzionare tutti i parametri medici; ci sarebbero simposii internazionali; comitati etici in subbuglio; Odifreddi che si va a confessare in Vaticano... E' già successo, perché non potrebbe ripetersi: le vie del Signore sono infinite, branco di increduli... (compreso qualche vescovo che invece di affermare con fermezza: preghiamo per la sua vita e speriamo fino alla fine sulla sua guarigione, si adagia, quasi privo di fede, sul comune senso relativista della ragione, affidando già l'anima a Dio.) Sia fatta veramente la volontà del Signore... Così sia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi