cerca

Carne da cannone

9 Ottobre 2008 alle 14:30

Caro Camillo, Camillo Langone degustatore, anche di Messe e di Cultura Contadina. Belli i tempi in cui le donne timorate e convinte “s’approssimavano” coniugalmente solo per dovere, rinnegando l’eventuale piacere con la premura di un preventivo ricamo delle loro scuse sulla peccaminosa stoffa. Figli molti; e di questi a molti, con buona frequenza, accadeva che attorno alla millecentoventesima settimana venissero abortiti. Carne benedetta insieme ai loro cannoni, benedetti in blocco dai cappellani militari. Aborti benedetti, senza obiezione. Prega per loro Camillo, per favore; e anche per i loro padri e le loro madri, che li hanno persi senza averli mai avuti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi