cerca

L'uomo non cambia

8 Ottobre 2008 alle 13:15

Caro amico che confondi l’effetto con la causa, sappi che oggi i rapporti pre-matrimoniali non sono divenuti la regola perché ci si sposa a 30-40 anni, ma che ci si sposa a 30-40 anni perché i rapporti pre-matrimoniale sono ormai la regola. E’ molto diverso. Tale mutazione, che ha le sue radici negli anni Sessanta, è frutto di un grandioso equivoco riguardo al concetto di ‘libertà’, quando si è stabilito ex auctoritate che essa non poteva tollerare più restrizioni e la si è ritenuta troppo debole da poter sopportare limite alcuno (per dire quanta fiducia si ha in essa!). Si è finito così con lo snaturarla in radice, perché se l’uomo non è posto più di fronte ad un comportamento buono ed ad uno cattivo, che senso ha per lui scegliere? E quindi a che serve la libertà?! La società post-moderna ha accettato tutto questo di buon grado (e infatti si vede la fine che sta facendo), la Chiesa cattolica - e la fede cristiana di cui essa è espressione - continuano invece a seguire la strada che hanno sempre seguito. E ciò non per ostinazione o per inimicizia verso il Progresso, ma semplicemente perché conoscono l’uomo e la sua natura, che restano inalterati nella storia. Liberissimi coloro che non ne fanno parte di comportarsi come ritengono, purché non pretendano di dettar legge in casa altrui.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi