cerca

Bloomberg III

6 Ottobre 2008 alle 14:00

Dunque a quanto pare, il sindaco della Grande Mela avrebbe escogitato la maniera di modificare la legge che non gli permette di ricandidarsi per un terzo mandato. Un magnate dell'editoria, sindaco della più importante città del mondo che fa sostanzialmente approvare una legge ad personam per mantenere le redini della gestione. Sarà che qui al momento i problemi che assillano sono di portata estremamente più drammatica, ma nessuno sembra sognarsi di evocare dittature morbide ed amenità affini. Provo a figurarmi solo per un istante la rivoluzione che si scatenerebbe in Italia se un certo personaggio ricorresse ad un simile stratagemma.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi