cerca

Il protocollo di Corinto

29 Settembre 2008 alle 18:22

Cinquanta anni fa l’affascinante libro di Henri Lhote (“Alla scoperta del Tassili”) fu una delle prime ed autorevoli storie del Sahara, che oggi tutti sappiamo essere stato un tempo ricchissimo d’acqua al punto di essere abitato da comunità di pescatori. Letto alla luce dell’odierno allarme per il surriscaldamento del pianeta dovuto all’umana insipienza fa sorgere qualche dubbio. Com’è che già 2000 anni fa la zona era descritta come arida ed invivibile da storici, cronisti e protoscienziati (Plinio il Vecchio) ? Vuoi vedere che quegli scriteriati di Egizi e di Romani - a furia di accendere fuochi per i forni di pane o di mattoni, per scaldarsi o far segnalazioni – già si facevano beffe del Protocollo di Corinto (Kyoto verrà fondata 800 anni dopo) e contribuivano pesantemente a perforare la fascia di ozono, infischiandosene bellamente dei posteri?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi