cerca

Caso Sofri

22 Settembre 2008 alle 16:33

Caro direttore, la sua difesa di Adriano Sofri non mi convince. Certamente lei sottolinea particolari importanti e meritevoli di riflessione; certamente lei ha ragione a sostenere che il "linciaggio" subito da Sofri non è un fatto positivo e accettabile. Però, un omicidio resta tale anche se compiuto per i motivi più disparati. Qualificarlo come atto terroristico o no terroristico, di certo, non ne attenua né la gravità né l'impatto "sociale" che ha avuto. Allora, scrivere e firmare un appello contro il commissario Calabresi, che tipo di atto rappresentava in quel determinato contesto? Partiamo da qui.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi