cerca

Lo Stato imprenditore: un disastro

19 Settembre 2008 alle 14:00

I sindacati da decenni stanno approfittando della debolezza del nostro potere politico per chiedere ciò che a un imprenditore privato non chiederebbero mai, fottendosene che poi a pagare non saranno i Berlusconi o Prodi di turno, ma i contribuenti, le famiglie, i pensionati. Unico interesse le tessere. La debolezza del potere politico in questi aspetti è poi sempre stata da fare pena: sarebbe bastato fermare le richieste sindacali ai valori dei contratti del settori privato. Adesso una categoria ricca (stipendi a partire da 6000-7000

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi