cerca

Lehman Brothers, fra Stato e Mercato

16 Settembre 2008 alle 19:20

Non condivido le valutazioni espresse in ordine alla pretesa funzionalità delle dinamiche del mercato, assicurata dalla mancata assistenza statale al dissesto di LB. Di fronte ad un crack del genere, occorre domandarsi se è giusto che le responsabilità di amministratori spregiudicati e senza etica ricadano su incolpevoli risparmiatori/lavoratori. Certo, non è facile individuare un giusto equilibrio fra le opposte esigenze (di responsabilità dei primi e di tutela dei secondi), ma credo che un governo abbia il dovere, nei limiti delle proprie disponibilità finanziarie, di non abbandonare nel baratro i propri cittadini più deboli. Anche le idee migliori (liberalismo economico) devono fare i conti con la realtà: Market if possible, Government if necessary.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi