cerca

Contrada non commuove, perché?

12 Settembre 2008 alle 11:35

Ha ormai 77 anni, una diffusa arteriosclerosi, diabete, ipertensione arteriosa, ipertrtofia prostatica, è condannato per associazione mafiosa, dopo un'odissea giudiziaria. Ma ciò non basta "formalmente" per i domiciliari. Si tratta di Bruno Contrada, forse l'unico detenuto eccellente, da Enzo Tortora ad oggi, verso il quale la pietà e la comprensione sono negati, e verso il quale nè il "Santissimo Tribunale" della Cassazione nè un'opinione pubblica, sempre indulgente e pronta alle facili commozioni, non riesce proprio a nutrire un qualsiasi sentimento umano. Perché?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi