cerca

Il Dio impersonale

28 Agosto 2008 alle 17:39

Nella teologia di Vito Mancuso un Dio “personale”, un Dio che cioè si occupa direttamente di ciascuna creatura, è incompatibile con la malattia, l'handicap o il dolore. Dio diventa quindi un principio “impersonale”, che sottostà alle leggi della natura, una sorta di spettatore della natura e della creazione. E noi tutti a combattere da soli armati del nostro libero arbitrio ed illuminati solo da un fulgido esempio nato duemila anni fa, la cui resurrezione, come Mancuso scriveva sul Foglio, è un fattore sostanzialmente ininfluente, basta l'esempio etico e morale. Mio figlio (quattro anni ben portati) ha sconfessato questa ultima tesi una settimana fa. Mentre lo portavo a messa lui sbuffava come al solito e mi diceva “ Perché andiamo a messa? Tanto ho visto il crocifisso, Gesù è morto!”. Ecco dimostrata l'assoluta necessità che Cristo sia risorto. Per quanto riguarda il dolore innocente lo scandalo rimane, per Mancuso e per noi. Occorre però riflettere se è lecito attribuire ad una condizione di dolore, di handicap, di non autosufficienza un “minus” di dignità o di umanità. In questo caso la parte razionale, logica e spirituale dell'uomo descritto da Mancuso avrebbe il diritto di porre fine all'esistenza biologica. Ma io, non fosse altro che per un fulgido esempio di duemila anni fa che guardava i malati e ne provava compassione (cioè li amava) non me la sento di considerarli meno dignitosi o imperfetti. Ogni scala di “umanità e dignità” basata su fattori meramente biologici mi appare arbitraria e pericolosa. Proprio l'esistenda nell'uomo di una parte spirituale e razionale dovrebbe portare a considerare i fattori biologici non esaustivi per definire l'uomo. Rimango comunque dell'idea che il contributo così chiaro e franco di Vito Mancuso sia una di quelle cose per cui varrebbe la pena di comprare due copie del Foglio ogni giorno, non si sa mai..

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi