cerca

Su Martini - l'ottimismo non basta

2 Agosto 2008 alle 10:31

La sospensione di ogni giudizio, l'ottimismo fine a se stesso sono la bandiera di una falsa libertà. Come si può dopo un'attenta analisi dei problemi della società attuale sospendere il giudizio, essere ottimisti sostenendo che tutto è buono allo stesso modo, non fornire non dico soluzioni ma per lo meno consigli? E' vero, c'è lo Spirito Santo - io ci credo - la cui potenza è infinitamente superiore alle forze umane, clero compreso, per fortuna. Ma un alto prelato della Chiesa cattolica non può ridurre tutto a un medesimo livello, magari mettendosi in chiaro contrasto con le indicazioni del Papa, quando ne capita l'occasione, o innocentemente esaltare aspetti di altre religioni in aperto dissidio con quella che eminentemente dovrebbe rappresentare, come è accaduto tempo fa con affermazioni sul Protestantesimo, pubblicate a stralci in almeno due articoli del Foglio. No, la "modernità" e l'"apertura" del cardinal Martini non possono portare a un discorso costruttivo dentro la Chiesa: il suo "ottimismo" mi sembra più un livellamento al pensiero dominante che è la grande rovina silente della nostra società e mi richiama alla mente l'atteggiamento di Papa Giovanni XXIII - se non erro - contro i "profeti di sventura", che fu così poco lungimirante e tanto negativo per il futuro - l'attuale presente - della Chiesa. Sospendere il giudizio non risolve i problemi, li lascia crescere indisturbati. Il dovere del nostro clero, Papa in testa, ovviamente, è quello di non smettere mai di dare indicazioni chiare a chi fa parte della Chiesa, ribadire in modo netto le Verità di fede e le caratteristiche che rendono differente quella cattolica dalle altre religioni, mettendo in evidenza la grande ricchezza che il credo cristiano porta con sé e non perdendo occasione per farlo conoscere in modo approfondito, sicuro. A chiunque abbia fede viene spontaneo agire in questo modo, a maggior ragione dovrebbe farlo chi si trova a capo della gerarchia ecclesiastica. Ratzinger lo fa benissimo, facendosi interprete di una fede vera, vissuta in un dialogo attuale, fecondo, con la persona vivente del Cristo. I suoi discorsi, lucidamente critici, sono pervasi da un ottimismo vero, concretamente fondato su indicazioni semplici e chiare per vivere secondo i grandi valori evangelici. I discorsi ai giovani della GMG di Sidney, per citare quelli più recenti, ne sono un ottimo esempio. Leggere per credere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi