cerca

Per Davide Soffio, la seconda

29 Luglio 2008 alle 16:05

Propongo di assegnare lo Hit di questa settimana al Sig.Soffio: chi meglio di lui ci avrebbe spiegato cosa è il Relativismo e le relative contraddizioni? Ogni regola è convenzione, ci assicura egli perentoriamente. Anche questa? O questa è invece la verità? Finalmente ne conosceremmo una. (L’obiezione non è mia, ma di Aristotele, dato che i relativisti c’erano anche allora, e si chiamavano scettici) Ma se tutto è convenzione, ed i Diritti dell’Uomo pure, per quale motivo egli pretende che lo si lasci nelle sue convinzioni? Non ha pensato che è proprio la convinzione che i Diritti siano cose reali, e non convenzioni, che gli permette oggi di parlare liberamente, cosa che non farebbe in un paese Islamico, dove questi non fanno parte del credo religioso di quei popoli? Di quale esperienza storica va poi parlando, che dovrebbe convincerci che i Diritti dell’Uomo non esistono? La storia ci mostra che dove questi Diritti non sono stati rispettati, si sono avuti solo lutti e disgrazie, mente dove sono stati affermati e coltivati, vedi civiltà cristiana occidentale, si è progrediti più in fretta rispetto agli altri popoli. E’ proprio la convinzione dell’esistenza reale dei Diritti che ci impedisce di imporre al Sig.Soffio di credervi. Ma vorremmo sapere se per lui i Diritti ci sono o meno, imposti da Dio o da chissacchi. Perché se veniamo a sapere che non ci sono, e sono solo sue, o nostre opinioni…

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi