cerca

Perché tanto parlare di eutanasia?

24 Luglio 2008 alle 15:40

Tanti casi di eutanasia alla ribalta, amplificati dai mass media e sostenuti da personaggi illustri. Potrebbe porsi il quesito "cui prodest?" Forse alla riduzione della spesa sanitaria, considerando il costo del mantenimento in vita di questi sventurati? Coloro che si sono risvegliati, anche dopo vent'anni, da un coma "profondo", raccontano che percepivano il mondo circostante, ma non riuscivano a farsi sentire. Non sarebbe interessante intervistare qualcuno di quelli che, come si suol dire, "ci sono passati", e sentire il loro parere sulla sospensione delle cure? Questo però non favorirebbe la riduzione della spesa sanitaria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi