cerca

Eluana - Libertà, miracoli e una scopa

23 Luglio 2008 alle 19:15

Vorrei, timidamente, dire al Prof. Mancuso, che ho letto molto volentieri su queste pagine assieme alle glosse di Ferrara, che é benemerito oltre che visceralmente interessante ragionare sull'onnipotenza di Dio, ma che le categorie partoribili dalle nostre menti, per natura finite e ancorchè, per natura, desiderose di oltrepassare i limiti, non arrivano a sfiorare cosa possa succedere quando si approda all'infinito. I matematici con l'infinito ci giocano. I fisici molto meno. L'infinito non lo conoscono; nemmeno l'infinitamente piccolo, chè per essere sondato richiede un'energia infinita! Perché , domando, Uno, TUTTO potendo, NON potrebbe creare creature libere, almeno fino ad un certo punto? Perché questo complica, come ben detto, la nostra comprensione? Ma in altre “dimensioni”? Quelle, dico, dove l'infinito è conosciuto? Forse capiamo i miracoli? A proposito dei quali dal tempo degli apostoli in qua ne sono accaduti parecchi. Anche in tempi recenti. Pance richiuse dal chirurgo come si chiude un sacchetto dell'umido ormai marcescente e due giorni dopo, guarito sorprendentemente il paziente, riaperte trovando tutto normale (Vedi Riccardo Pampuri). Si capisce? No. La chiesa, solo dopo il verdetto della scienza, dice che è un mistero. Altri, anch’essi dotati di invidiabile dimestichezza con le cose di Dio, che ho sentito parlare di libertà umana e onnipotenza di Dio si sono arresi al mistero. Perché, domando, Uno, TUTTO potendo, NON potrebbe creare creature libere, entro un alveo di possibilità, e ogni tanto, a proprio piacimento, intervenire aiutandole o “arginandole maggiormente”? Come fa un padre coi figli. Si lascian vivere, ma ogni tanto tocca procedere. Perché Dio non concede a tutti una vita sana in cui sviluppare la propria autocoscienza ed esercitare al meglio la propria libertà ? Perchè il dolore, perché la croce? “Non la mia ma la tua volontà“. E se la libertà fosse questo? Aderire ad un disegno di bene per noi in cui risiede la nostra felicità, contro tante apparenze? Paradossalmente liberi di dire di no al nostro massimo di libertà, almeno fino ad un certo punto. Più in generale: come interpretare le cose che accadono? E se Eluana fosse lì giusto perché tanta gente si domandi tutti questi perché, o per far crescere l’amicizia delle persone che la circondano, per procurare il miracolo di qualche cambiamento? Perchè Uno, Tutto potendo, NON potrebbe usare di noi? Bernadette , già suora, disse a chi le chiedeva come ci si sentiva nell’anonimato del convento dopo essere stata a lungo al top della cronaca per le vicende di Lourdes:” Una scopa , finita di usarla, la si ripone dietro l’uscio”. Santa Teresa d’Avila pregando chiedeva:” Vostra sono . Cosa volete fare di me?”. Sempre timidamente, come sottovoce perche’sono cose grosse: se, contro tutte le apparenze, fosse un miracolo l’esistenza di Eluana?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi