cerca

Ma lo sapeva Ferrara…

17 Luglio 2008 alle 18:50

15 luglio ore 17. Parto da casa, 30 km da Milano, per portare la mia bottiglia d'acqua sul sagrato del Duomo. Parcheggio in zona fiera e con i caldi mezzi raggiungo alle 18,15 la meta: lascio il mio litro e mezzo di acqua rocchetta - sì quella della salute! - recito un'avemaria dentro la basilica e ritorno a prendere i mezzi e la mia macchina. Non possono non notare che sul grande cartello pubblicitario all'Arengario troneggia un'enorme bottiglia d'acqua e mi domando se il grande Giuliano sapeva di questa felice coincidenza! Oggi non sono in duomo ma la mia bottiglia è lì, io ho un dolore alla mano per il peso portato che mi serve a ricordare Eluana e la sua utile vita e mi interrogo sul senso del soffrire, della cura, del limite, del bisogno di essere sempre e comunque nutrita e dissetata anche io da altri nei miei affetti, nei miei bisogni elementari, in tutto ciò che forma la trama della mia vita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi