cerca

Un atto di praticità…

16 Luglio 2008 alle 08:00

il Signor Marco di Siena da Amsterdam definisce, testualmente, l'aborto e l'eutanasia come "atti di praticità". La praticità è la categoria più abusata del moderno: derubricare la scelta (che non è scelta, in realtà) tra la vita e la morte ad un mero problema di praticità, significa confondere vita ed I phone, tecnica ed esistenza, valori con gusti. Se il moderno perde il gusto alla Vita come nucleo originario del senso, allora non saprà tutelare se stesso e la collettività nella quale vive. Cari foglianti, scrivetevelo nel cuore, e cercate di ricordare in che mondo viviamo: per molti esseri umani, l'aborto e l'eutanasia sono solo "atti di praticità". Acqua, tanta acqua: per Eluana, giovedi alle 18,30 in Piazza Duomo; per noi, tutti i giorni, come balsamo all'aridità di un mondo che ha dimenticato la direzione e il senso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi