cerca

Eluana - Ma chi sono i padroni della vita?

14 Luglio 2008 alle 14:00

"I padroni della vita"...è l'unica frase dell'articolo apparso su Repubblica in cui sono d'accordo con l'autore Sofri! Infatti potrei ribaltare la domanda al nostro giornalista: chi decide di staccare la spina (a se stesso o, a maggior ragione, ad un altra persona), non si erge forse a padrone della vita? Lo fa il Vaticano dicendo che non bisogna interrompere questo stato "vegetativo"?!...d'accordo ma allo stesso modo, in maniera uguale e contraria lo fa anche un giudice o il padre della ragazza! La vera volontà di Eluana non la sappiamo veramente! Suo padre afferma che avrebbe detto "stop" ma sono solo deduzioni da parole dette così, in tempi non sospetti, magari senza darci neanche troppo peso e poi si sà, nella vita si può sempre cambiare idea! (molti aspiranti suicidi che un ora dopo pensavano: "ma che cavolo stavo facendo?). Inoltre la medicina sa ancora molto poco degli stati vitali comatosi; molte persone durante questi periodi dichiarano di aver avuto dei "sogni" o comunque piccole percezioni sensoriali anche con un elettroencefalogramma apparentemente piatto! Chi siamo noi per dire che lo stato in cui si trova la ragazza è una condizione assolutamente negativa (lo è per lei o lo è forse più egoisticamente per noi!?) a cui si debba porre la parola fine? Comprendo lo stato d'animo di suo padre, è una situazione molto pesante ma, con tutta la comprensione di questo mondo, non arriverei per questo a giustificare un omicidio! Certo bisogna trovarsi in quelle situazioni...questo lo capisco, non è assolutamente facile! Ma a mio avviso, traendeo da questa e da altre vicende simili un giudizio generale, i "padroni della vita" non sono quelli che indica Sofri piuttosto gli altri, quelli che hanno deciso con la loro inconfutabile certezza che l'embrione umano NON è VITA, che il coma NON è VITA, che il down o il malformato NON HA DIRTTO A VIVERE (troppe grane per chi gli deve stare dietro!!)cosicchè viene riaperta la moderna "rupe tarpea" dell'aborto selettivo...e guarda caso le persone che la pensano così, caro Sofri, sono quelle per cui il principio di precauzione non è valido alla faccia del loro relativismo culturale dietro al quale si cela solamente un integralismo ideologico ovvero NON ESISTE LA VERITA' però IO decido che questa NON E' VITA!! (una palese contraddizione in termini!!); costoro sono i veri padroni della vita, spalleggiati dal Potere e dai mass media, costoro sono, anche e non solo, i tuoi amici radicali, caro Sofri!!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi