cerca

INDEFETTIBILE MISTER COLOMBO

11 Luglio 2008 alle 18:39

INDEFATIGABLE WORKER In lingua indigena l’avrei definita un lavoratore indefesso, e tale lei è apparso all’affollata platea televisiva che si godeva gli scilomi monotoni dei suoi colleghi impegnati a vituperare il “Lodo Alfano”. La sua uscita finale, dichiarazione di voto sulla legge, m’è sembrata pleonastica. Tutto l’astio della sua replicata ostilità verso il capo del governo non ha aggiunto alcunché di nuovo che già non s’immaginasse: uno stentoreo chicchirichì sgraziato per l’uovo scodellato ma che ha vieppiù evidenziato la sua prevenzione giustizialista nei confronti del Cavalier Silvio, capo del governo (faccia attenzione, l’ira è prodromica al peggio…). Era necessaria l’esibizione? Non lo so, non credo, ma opino addirittura che ben fecero, quelli del “Foglio”, a soprannominarla “Madame Verdurin”: con la sua aria disgustata, quando lo spartito al pianoforte non è suonato dal suo prode romano. Odi pure quanto le pare, ma non in nome della democrazia ... poveretta! Quante ingiurie in suo nome circolano scurrili e irripetibili. Con molto disincanto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi