cerca

Le marce indietro di Veltroni

10 Luglio 2008 alle 18:50

Ieri, ho seguito Veltroni a Matrix, condivido il suo disappunto verso Di Pietro e la sua politica, fatta solo di astio continuo nei confronti di Berlusconi. Ma Veltroni, a Matrix ha detto e fatto capire altro, se a parole,dichiara di voler un'opposizione costruttiva e moderna, degna delle democrazie piu' avanzate, nei fatti e nelle intenzioni, non è cosi, egli infatti ha detto, con cenno di "ricatto politico", che il federalismo deve passare attraverso il PD, lanciando un segnale alla Lega, che sa essere debole senza l'approvazione di questa importante riforma. Ecco che, smentendo se stesso, ritorna, a mercanteggiare, questo cambio di rotta, lo giustifica con le presunte leggi adpersonam, volute da Berlusconi, ma il governo Prodi non le ha cancellate, si vede che non erano poi cosi personali, Veltroni deve prendere atto, che in Italia, c'è, esiste la questione giustiza, credo, che veramente una situazione del genere non esiste in nessun paese al mondo, dove alcuni giudici fanno la guerra al governo, sempre piu' apertamente con la certezza di essere loro si immuni (senza lodo), impuniti ed impunibili. Non si può gridare continuamente all'incostituzionalità di tutto, ho seguito in questi giorno il blog di Di Pietro, sapevo che i giudici costituzionali erano 15, scopro che sono come gli allenatori della nazionale di calcio, tutti giudici costituzionali, tutti pronte ad emettere sentenze e a santificare eroi, tipo Travaglio Guzzanti, Panchio Pardi, e altri. Veltroni deve prendere coscienza, che gli italiani non sono cosi stupidi come purtroppo spesso vengono dipinti, hanno la capacità di valutare, tantè che appena avuto l'opportunità di dare un taglio netto con il passato lo hanno fatto, è vero Lui ha messo le basi, con la decisione di escludere alleanze estreme, ma in gabina elettorale sono andati gli italiani. Un'opposizione intelligente, deve anche capire, che chi ha vinto, DEVE portare avanti il programma presentato agli elettori, pretendere di sostituirlo con il proprio, già bocciato, non è da opposizione moderna, per cui deve cercare di migliorare, ove possibile, il programma del PDL. Onorevole Veltroni, non butti alle ortiche quel pizzico di modernità politica che Lei e il PDL state portando avanti, la gente ci crede, deluderla, oggi, sarebbe grave.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi