cerca

L'intellettuale italiano è sempre di sinistra

8 Luglio 2008 alle 19:00

Interno di un teatro milanese. Serata dedicata all’elemento fuoco con tra gli altri Umberto Eco e Toni Servillo. Arriva puntuale il Ministro Bondi. Giacca scura e camicia a quadretti minuscoli senza cravatta come da nuova eleganza. Dal palco salutano gli ospiti e le personalità in sala. Al nome Bondi parte una fischiata generale rarefatta da qualche applauso. Solo in Italia si accoglie così il Ministro della Cultura senza che abbia aperto bocca né era previsto che lo facesse. Non ha bisogno di difensori, non sono preoccupata per lui e mi è sembrato imperturbabile ma posso dire che da quando è in carica l’ho incontrato in città e manifestazioni diverse. Il predecessore lo vedevo spesso sui giornali e in televisione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi