cerca

Su Vito Mancuso - Tre non risposte ma una conclusione

24 Giugno 2008 alle 11:20

Non so rispondere alle tre domande di Mancuso, nonostante sia un’ estimatore di Ratzinger, nonostante gli altri due casi mi facciano tristemente rabbrividire (quello poi di Calipari, un’uomo solo e morto contro gli U.S.A….beh) e non so rispondere perché in questo mondo, come cantava Gaber, il male è mischiato al bene, un bene che non è quasi mai chiaro, limpido. Ciononostante azzardo una mia conclusione. Il Mondo tende ad una sempre maggior organizzazione (a volte gradualmente, a volte salti) anche se spesso incappa in periodi bui, tendendo però, come scrive chiaramente Mancuso, “necessariamente all’accumulo dell’informazione e al progredire dell’organizzazione, procedendo in un cammino verso il meglio”. Tutto questo grazie a quello che Mancuso chiama (e richiama anche nel Suo ultimo libro) il “Principio ordinatore”, che in sostanza guida il Mondo. Questo (concetto) secondo me è, come si dice, poco ma sicuro. Non sono d’accordo invece con Mancuso quando afferma che alla guida del mondo non vi è un Dio personale con la sua Provvidenza; io penso invece che, nonostante “questo “Principio ordinatore/Dio” non sia personale, ogni tanto intervenga. Riprendendo l’articolo di domenica, solo da un “Principio ordinatore” può nascere la libertà, lo spirito, la logica del bene e della giustizia, ma grazie allo Stesso nasce anche la Forza e la sua logica, che ahimè riveste sul nostro pianeta ben altra importanza rispetto al bene e alla giustizia, ridotte quasi all’impotenza. La speranza è che la Forza (che non è altro che la somma del potere, dei soldi, degli interessi) possa agire in futuro per il bene e la giustizia ma non lo vedo possibile nel breve periodo. In attesa di questo “umanesimo nuovo che ponga la persona al centro” come cantava Gaber nel finale di carriera (e di vita), e accontentandoci dell’opera di singole persone, un grazie al lavoro di persone come Calipari; è grazie a queste persone che il nostro mondo va avanti, faticosamente ma avanti. Grazie naturalmente anche al Prof. Mancuso per la riflessione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi