cerca

Trattato di Lisbona ed eventuale referendum

17 Giugno 2008 alle 14:25

Credo non sia sbagliato sostenere che il Trattato di Lisbona, per la sua importanza, può essere assimilato a una revisione della Costituzione piuttosto che a un qualsiasi altro trattato internazionale. Se è così, proporre un referendum popolare, sia pure consultivo, non è cosa poi così assurda e senza fondamento giuridico: infatti, ai sensi dell’articolo 138 della Costituzione, le leggi di revisione della Costituzione e le altre leggi costituzionali sono sottoposte a referendum popolare quando, entro tre mesi dalla loro pubblicazione, ne facciano domanda un quinto dei membri di una Camera, o 500.000 elettori, o cinque Consigli regionali. A questo si affiancano poi una serie di questioni di opportunità, in primis un riavvicinamento al cittadino del processo di unificazione europea.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi