cerca

Fini, caccia i "disonorevoli pianisti"

12 Giugno 2008 alle 13:30

Lodevole l'iniziativa del Presidente Gianfranco Fini di bloccare una volta per tutte quell'insana e deplorevole azione dei non tanto "onorevoli pianisti" che votano anche per gli assenti. Quest'azione va configurata oltre che come una truffa ai danni dello Stato, in quanto una votazione certifica la presenza di un parlamentare che, invece, è in altro posto, va giudicata soprattutto come disonorevole presa in giro del popolo italiano che in questi soggetti ha posto fiducia, tanto da mandarli nel posto più altolocato dello Stato e fra i più pagati. La questione non va risolta apportando artifizi tecnici col fine di non far votare in vece degli assenti, ma va posta in un modo molto più categorico, concettualmente più netto: "Se ti becco ti caccio, seduta stante!". Come cacciarono immediatamente, d'altronde, due miei colleghi di lavoro che, essendo arrivati assieme in macchina, mentre uno parcheggiava, l'altro timbrò per tutti e due, solo per non ritardare di due minuti l'entrata! Non vedo perché proprio un rappresentante dello Stato, che dovrebbe dare esempio di rettitudine morale, non abbia alcun riscontro penale! Vi è da considerare, infatti, l'abnorme illegalità perpetrata, relativa a quei falsi voti che potrebbero determinare l'esito di una legge, sia favorendola che rigettandola. E' moralmente sgradevole il tentativo di frenare tale uso ladronesco da furbetti, cercando soluzioni tali da impedire il misfatto. Proprio in quell'aula, dove tutto dovrebbe essere lasciato all'onorabilità delle singole persone e dove dovrebbe essere sufficiente un cenno di capo, si cercano espedienti miserandi, tipo: sedili che col peso del corpo segnano una presenza, o due buche per ambo le mani votanti. Se pensiamo così,... vedrete che spunteranno cuscini di piombo o arti robotici per contraffarre il voto! L'ingegno italico non conosce limiti! Iniziamo con la moralità seria in Parlamento. Se abbiamo dei politici che si prestano pubblicamente a questi giochetti, cosa può pensare la gente del resto? Invoco il presidente Fini a non adottare alcun artificio tecnico ulteriore, se non quello della prova TV. Si introduca una norma per il "Comportamento disonorevole" con vari gradi di penalizzazione, fino al congedo con disonore senza pensione (oltre alla denuncia penale). Vedrete i plausi dei cittadini italiani votanti!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi