cerca

Siamo sicuri che hanno bisogno delle intercettazioni?

10 Giugno 2008 alle 14:45

Come si costruiscono prove di colpevolezza con le intercettazione non si potrebbero trovare altri stumenti che non siano così invasivi e che non creerebbero allarme di morbosità sociale? Io mi immagino le persone preposte alle registrazione con forti problemi psicologici di adattamento alla realtà, il mare di informazioni che arriva loro è così gigantesco, gli argomenti i più disparati. Dove trovano queste persone la capacità di cogliere il significato e la giusta interpretazione di quello che ascoltano? C'è da supporre che la loro attività non sia che una semplice esecuzione di puzzles il cui disegno è già stabilito. Se così fosse è una cosa gravissima e fortemente da temere. Volendo credere che lo Stato sia forte non perchè fa uso di un sistema barbaro, antimorale ed antidemocratico quale quello di origliare per poi incolpare,attivi e prepari adeguatamente quelle stesse persone, che attendono a quel compito ingrato di ascolto, dal quale possono trarre grossi appagamenti personali solo coloro che non vivendo di vita propria si impossessano e si riempiono di quella altrui(mi viene in mente il film "La vita degli altri")e li utilizzi per svolgere attività meno umilianti e di maggiore spessore investigativo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi