cerca

Guerra e politica

21 Maggio 2008 alle 20:25

Dopo aver letto l'articolo di oggi sulle forze speciali tedesche che si sono lasciate scappare un alto comandante talebano, ritengo sia sempre più urgente e necessario modificare le regole di ingaggio delle nostre truppe in Afghanistan, eliminando "caveat" senza senso e assai controproducenti per la sicurezza degli stessi soldati.Bisogna avere ora il coraggio POLITICO di inviare nostre truppe nelle zone "combat", soprattutto Sud ed Est del paese,in aiuto agli alleati Usa, Gb, australiani, canadesi. Per quanto tempo ancora dovrà continuare questo doppio standard nella conduzione delle operazioni militari? Connesso a ciò, è altrettanto allarmante il fatto che il nuovo governo pakistano del PM Gilani stia stipulando accordi di non belligeranza e scambi di prigionieri coi Talebani pakistani; proprio nelle zone tribali di confine Al Qaeda e i Talebani hanno le loro roccaforti e da lì vengono progettati e diretti gli attacchi verso l'Afghanistan e anche l'Europa.Per far fronte a tutto ciò, condividendo l'editoriale di ieri del direttore, è necessario considerare l'ipotesi di ritiro delle nostre forze dalla missione Uifil 2 in Libano per dirottarle in Afghanistan qualora la missione libanese non riuscisse a conseguire gli obiettivi stabiliti dalle risoluzioni Onu, cioè, principalmente, il disarmo di Hezbollah, cosa che, finora, non è avvenuta e anzi il Partito di Dio è ritornato più forte e pericoloso di prima.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi