cerca

Qualcosa non torna...

19 Maggio 2008 alle 19:35

Fino a qualche anno fa i cambiamenti della sinistra erano più lenti, frutto di drammatiche sconfitte dalla storia: contro il capitalismo, l'Europa, l'occidente... Oggi invece noto sempre più un adeguarsi quasi immediato al centrodestra (e in particolare alla lungimiranza di Silvio Berlusconi). Nel '94 Berlusconi propose l'esigenza di un rinnovamento che la sinistra allora (preoccupata ad arraffare il potere esecutivo) non avvertiva. E due, solo due, anni dopo, lo seguirono. Oggi si rendono conto di aver sbagliato tutto su criminalità e ambiente... Due anni fa Berlusconi propose l'abolizione dell'Ici e la sinistra paventò quasi di chiamare la neuro. Poi la abolì in parte l'anno dopo. La legge Biagi era il male assoluto... Poi cambiò nuovamente idea. Oggi l'ex onorevole Cento dice che l'abolizione dello scalone Maroni fu un errore. Nel 2006 Berlusconi propose un impegno per un grande piano per la casa (ricordate?). A sinistra lo beffeggiarono: dopo un milione di posti di lavoro, un milione di appartamenti? Poi improvvisamente si sono accorti che anche quella era una giusta intuizione! Mi piace pensare che un giorno non vedranno più all'aborto come ad un diritto...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi