cerca

Il tempo che non passa

19 Maggio 2008 alle 14:00

È uscito un libro di Andrea Casalegno dal titolo “L’attentato”, edito da Chiarelettere. Andrea Casalegno è il figlio di Carlo Casalegno, giornalista de La Stampa ucciso dalla Brigate Rosse nel 1977. Dalle anticipazioni riportate sui giornali, la cosa che mi ha colpito è questo passaggio di un pezzo di Casalegno senior. Correvano gli anni Settanta. “De Gasperi insegnava (…) che l’onore di un uomo politico non è un affare privato. Appunto per questo motivo, la Dc avrebbe dimostrato saggezza allontanando da posizioni di potere tanti uomini il cui onore era leso da colpe accertate, o sospetti non infondati, o da manifesta inettitudine. In un Paese che non riesce a processare gli attentatori di Piazza Fontana, e dove l’Inquirente dispensa immunità, non si può aspettare la sentenza definitiva della magistratura per togliere dal governo, ad esempio, un boss indiziato di complicità con la mafia”. Togliete Dc e mettete Pdl, Pd, Udc e via dicendo. Togliete Casalegno e mettete, chessò, Travaglio. E scoprirete come trent’anni siano passati invano…

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi