cerca

Un piano Marshall per il centrosinistra Veltroniano

7 Maggio 2008 alle 16:30

Un centrosinistra credibile non potrà che fare del bene al funzionamento del sistema. Per quanto mi auguri che il centrodestra possa molto a lungo governare, non credo, però, che potrà rimanere tonico senza il pungolo di una forte concorrenza. Rimane da stabilire quale delle due anime del Pd convenga al Paese. Veltroni non è un leader riconoscibile. Dimostra, piuttosto, la consistenza politica (politica, non umana) di una piacevolissima brezzolina primaverile. Ma, proprio per questa sua “gentilezza”, è più difficile che attorno a lui venga a mancare l'aria necessaria alla formazione di una, per il momento inesistente, classe dirigente. L'altro PD, quello cresciuto dietro i gracchianti megafoni dei settanta, quello selezionato dalla vita sulla base della capacità di assorbire e restituire ideologia e di imparare a memoria i regolamenti parlamentari, quello ormai imbolsito da un imborghesimento che non riesce più a dissimulare, non sarebbe in grado di attirare a sè forze fresche e credibili e finirebbe con il rivolgersi agli ex compagni di viaggio alla propria sinistra, riproponendo l’improponibile e rischiando di ricacciare il Paese nel baratro da cui è appena uscito e nel quale si era, nonostante le poco rassicuranti evidenze, volontariamente cacciato. Per evitare questo infausto scenario, il centrodestra dovrebbe progettare una sorta di piano Marshall a favore del centrosinistra Veltroniano, legittimandone il più possibile gli esponenti, con una costante ricerca di dialogo e di iniziative comuni (dove sostenibile), a spese dei dannosi ed arcaici concorrenti di partito. Al Cav. non mancherebbero sicuramente la fantasia e l’energia per dare concretezza a questa cosa. E poi, cosa non trascurabile, passerebbe alla storia come l’unico uomo ad avere mai ristrutturato l’intero arco costituzionale di una moderna democrazia parlamentare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi