Chiacchiere rubate all'aperitivo (meglio tacere?)

Chiacchiere rubate all'aperitivo, in ordine sparso e in attesa di ottenere un bicchiere di vino a un bancone troppo affollato

29 Maggio 2009 alle 13:31

Chiacchiere rubate all'aperitivo, in ordine sparso e in attesa di ottenere un bicchiere di vino a un bancone troppo affollato:

Primo dialogo. Personaggi: una quarantenne abbronzata e un quarantenne abbronzato. "Ciao, non ti vedo da troooooppo tempooo". "E' verooooo!". "Sai che la tua ex si è sposataaaa? Troppo forte". "E me lo dici così?". Segue gelo, riscaldato (si spera per loro) dal Negroni doppio che intanto ha ordinato lui, ostruendo il traffico al bancone.

Secondo dialogo. Personaggi: una trentenne che va di fretta. Un quarantenne amico di una sua amica (a occhio). "Che lavoro fai?". "Il pilota". "Ah che bello, mi fai fare un giro?". "Bello de che? Ha ragione Berlusconi che in aereo non vuole scocciature e giornalisti, e infatti li mette su un secondo aereo privato". Segue gelo non riscaldato da bevande: se ne vanno separatamente.

Terzo dialogo. Personaggi: due trentacinquenni tarchiati e paffuti. "Ao, hai visto quella che tacchi???'". "Farebbe meglio a non metterli, sennò noi come facciamo a rimorchiarla, bassi come siamo?". Segue risata potenziata dai mojitos che nel frattempo il lentissimo barman ha preparato per i due autoironici avventori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi