cerca

Vinitaly raccoglie fondi pro Abruzzo. Chissà se ci sono (altri) santi bevitori

Oggi gli organizzatori di Vinitaly hanno attivato un conto corrente postale di solidarietà pro terremotati in Abruzzo. Chissà se c'è un bar, una bettola, una vineria, un locale alla moda pronto a lanciare un happy hour per santi bevitori onde raccogliere fondi mentre la terra trema

7 Aprile 2009 alle 13:24

Hanno cominciato ieri, osservando tra i calici un minuto di silenzio. Oggi gli organizzatori di Vinitaly hanno attivato un conto corrente postale di solidarietà pro terremotati in Abruzzo con passaparola tra gli espositori della rassegna appena conclusa. Chissà se c'è un bar, una bettola, una vineria, un locale alla moda, in qualche grande città, pronto a lanciare un happy hour per santi bevitori onde raccogliere fondi mentre la terra trema. Una sorta di aperitivo solidale (da non confondere con quello equo e solidale che sinceramente non ci piace granché) – chessò: per oggi, per ogni mojito da sei euro, un euro da mandare all'Aquila. Oppure: paghi da bere e per una volta anche da mangiare invece di ingozzarti "a gratis", e quei soldi in più si mandano in Abruzzo (sempre per oggi)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi