Lo stile della Stazione Centrale di Milano

Partita con marchi molto mass oriented nel 2016, la riqualificazione delle grandi stazioni italiane come centri di entertainment e shopping sta prendendo un altro passo, come hanno scoperto i modaioli

Cicip e Ciciap. Partita con marchi molto mass oriented nel 2016, la riqualificazione delle grandi stazioni italiane come centri di entertainment e shopping sta prendendo un altro passo, come hanno scoperto i modaioli che ripartivano dalla Stazione Centrale di Milano dopo l’ultima sfilata delle collezioni Milano Moda Uomo 2020-2021 e trovandovi il temporary store di Sugar, ancora in fase di allestimento. Il brand di Beppe Angiolini, il buyer più famoso d’Italia (e fra i cento mondiali), partito da Arezzo negli anni Ottanta e ora figura di riferimento dello stile italiano, sarà aperto fino a fine febbraio, con il “bar à parfums”, i gadget disegnati da lui con le sue decine di migliaia di follower, un po’ di accessori. A febbraio aprirà Ferragamo, e quindi il brand Nico Giani, vincitore ad Altaroma del concorso Who’s on Next 2017, sezione accessori. Dietro a questo attivismo nell’azienda guidata da Alberto c’è Paola Bottelli, ex firma moda de Il Sole 24 Ore, ora coordinatrice scientifica della Business School del quotidiano confindustriale.

Di più su questi argomenti: