cerca

La Lombardia non è la terra dei fuochi, ma gli incendi nelle discariche non sono uno scherzo della natura

Se i cittadini respirano aria fetente, non sono contenti. Forse anche il salutista ministro dell’Interno Salvini potrebbe lavorare alla riforma delle autonomie

18 Ottobre 2018 alle 13:57

La Lombardia non è la terra dei fuochi, ma gli incendi nelle discariche non sono uno scherzo della natura

Vigili del fuoco a Milano, in via Chiasserini, dove un'incendio ha distrutto la ditta di stoccaggio rifiuti IPB (foto LaPresse)

La Lombardia non è la terra dei fuochi, ma una ventina di incendi dolosi nelle discariche (più o meno) abusive della regione non sono uno scherzo della natura. Da tre giorni Milano è avvolta dai fumi acidi, in certe zone si respira davvero maluccio, anche se non ci sono rischi per la salute, assicurano le autorità, e quando la puzza arriva fino a piazza Scala, il sindaco deve alzare la testa. E la visibilità è scarsa. E sì, perché – archiviate le provincie dalla riforma Delrio – ormai mancano a Beppe Sala (che è sindaco della Città metropolitana) le risorse per fare i controlli necessari. E la magistratura competente non arriva a tutto (anche se in certi casi la puzza di malaffare c’è). La grande Milano non è solo piazza Gae Aulenti, e se i cittadini respirano aria fetente, non sono contenti. Forse anche il salutista ministro dell’Interno Salvini, oltre a mettere un poliziotto fuori da ogni kebab (che per il momento nubi tossiche non ne producono) potrebbe lavorare alla riforma delle autonomie. Almeno per la sua Milano. Perché i fumi da terra dei fuochi possono far dimenticare presto le sparate sull’immigrazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo schieppati

    18 Ottobre 2018 - 19:07

    Sono di Novate Milanese. E sì che ora non sono più impegnati a sbirciare cosa fa Berlusconi con le olgettine. Sì, qualche controllo alla Rieco avrebbero potuto farlo.

    Report

    Rispondi

  • Skybolt

    18 Ottobre 2018 - 14:02

    Chiedete a Renzi, magari qualche spicciolo lo ha. E comunque, non è che bisogna assumere dei vigili nuovi per farsi qualche giro ogni tanto e chiedere se intorno ai capannoni ufficialmente vuoti si vedono camion che vanno e che vengono... non dovrebbe essere il lavoro dei vigili di quartiere (risata)? Quanto al fatto che Sala alzi la testa quando la puzza arriva a Piazza della Scala (id: Palazzo Marino, per i non milanes), non è una novità, fa sempre così.

    Report

    Rispondi

Servizi