cerca

Sabato e domenica nel Foglio. Che cosa c'è nell'inserto culturale del fine settimana

Come tutti i weekend nel giornale ci sono dodici pagine di inserto culturale

26 Gennaio 2018 alle 20:14

Sabato e domenica nel Foglio. Che cosa c'è nell'inserto culturale del fine settimana

Marilyn Monroe (Serigrafie di Andy Warhol, 1967)

Come tutti i weekend nel giornale ci sono dodici pagine di inserto culturale. Ecco che cosa trovate in edicola (e potete scaricare qui dalle 11 di venerdì)

 


 

- Nuovo cinema Valsecchi. Ritratto del produttore di Taodue che con Checco Zalone ha fatto ricca Mediaset. I tanti film sulla mafia e quel litigio sull’Orso d’argento con Bellocchio. Storia di una scalata straordinaria e di un grande amore - di Salvatore Merlo

 

- Le toghe di Trump - Zitto zitto, il presidente ha già nominato 12 giudici delle corti d’appello federali, un record. Si  sposta a destra l’equilibrio giudiziario americano - di Mattia Ferraresi

 

- Mongolia finis terraeI missionari che “sussurrano il Vangelo” in un paese dove essere cristiani non è uno scherzo - di Matteo Matzuzzi

 

- Banche e giornali L’editore parallelo. Ventriglia, Cuccia, Bazoli: quando c’è da salvare  una testata, spesso arriva   il banchiere. Che non lo fa solo per i soldi - di Stefano Cingolani

 

- La vita è una linea verticaleIncontro con Mattia Torre e la sua serie tv, che con ironia ha reso il cancro un compagno di strada - di Annalena Benini

  

- Quegli amori proibiti dello scrittore che s'era fatto teologo, ChateaubriandPagano e cristiano, carnale e spirituale: doppio destino per il genio della letteratura francese. Quando arrivò a Roma, padre laico della chiesa, aveva una moglie e due amanti. Una gli scriverà lettere infuocate, ora in un libro - di Marina Valensise

 

- Yoox va di lussoIn mani svizzere il colosso italiano di e-commerce d’abbigliamento  Perché la scelta del fondatore, Federico Marchetti, era inevitabile - di Fabiana Giacomotti

 

- Le bagatelle della censura - Visto Céline, non si stampi. Ecco come andò in Italia quando furono pubblicate le tre colonne infami - di Giulio Meotti

 

- Il salto di QuagliaSerio e silenzioso,  a 35 anni Fabio Quagliarella è diventato uno degli attaccanti più decisivi della serie A. Anche grazie a una  condanna - di Leo Lombardi

 

- Nuovo cinema Mancuso, una pagina di recensioni di Mariarosa Mancuso sulle ultime uscite nelle sale.

 

- L'arte della fuga - Scrittori, filosofi e artisti da sempre teorizzano la necessità di lasciare ciò che ci costringe per ritrovare noi stessi. Ma spesso il modo migliore per abbandonare tutto è tornare alle origini - di Ugo Nespolo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi