Sabato e domenica nel Foglio. Che cosa c'è nell'inserto del fine settimana

Come tutti i weekend nel giornale ci sono dodici pagine di inserto culturale

Salvate la Lombardia. Anche da se stessa (e per il bene dell’Italia). Cronache settembrine da una regione con molte anime. Tra cose da aggiustare, forza economica e un’idea di autonomia che forse è ora di archiviare – di Maurizio Crippa

  

Chi viene dopo Abe. Nella corsa per diventare premier giapponese spunta l’outsider: Yoshihide Suga, l’uomo delle fragole. Trono di spade a Tokyo - di Giulia Pompili

  

Aridateci l’inflazione. Storia universale di un male che potrebbe essere salvifico nella crisi post pandemia. Pregiudizi e strategie - di Stefano Cingolani

  

L’estate della colpa. “Ci siamo sbarazzati della religione, ma ora i peccati non possono essere perdonati. Così ci autocondanniamo”. Parla il critico americano McClay – di Giulio Meotti

  

Con la sfiga nel menu. Da Antonello Colonna a Filippo La Mantia. I ristoranti milanesi alle prese con i disastri del lockdown - di Michele Masneri

  

Le scelte in tempi di crisi – Sovranismo? No, grazie. La lezione liberista di Popper & co. A metà del secolo, tre autori di lingua tedesca immaginano una nuova visione della libertà individuale. Il socialismo non è poi così diverso dal nazismo. L’interventismo statale e una riflessione sui tempi che stiamo vivendo - di Alberto Mingardi

 

Modelle per caso. L’alta moda interpreta il cambiamento della società. Le opinioni estetiche del popolo del web e l’inclusività, quella vera, in passerella - di Fabiana Giacomotti

  

Fine della conversazione. Faccine, punteggiatura, premesse e scuse. Il dialogo è diventato così sfiancante che abbiamo smesso di provarci - di Simonetta Sciandivasci

   

Da Lucio a Dalla. Sono passati quarant’anni dalla trilogia di dischi che trasformò il musicista in paroliere. Dopo di lui, nessuno ci è più riuscito - di Salvo Toscano

 

Nuovo cinema Mancuso. Recensioni cinematografiche a cura di Mariarosa Mancuso

 

Scuola di mamma. Avere fiducia nelle istituzioni ma soprattutto nei bambini. Mia figlia nel suo primo giorno in classe ha una nuova lezione da imparare. La gioia dei compagni ritrovati e del nuovo linguaggio a distanza - di Gaia Manzini  

Di più su questi argomenti: