cerca

Sabato e domenica nel Foglio. Che cosa c'è nell'inserto culturale del fine settimana

Come tutti i weekend nel giornale ci sono dodici pagine di inserto culturale

12 Luglio 2019 alle 18:58

Sabato e domenica nel Foglio. Che cosa c'è nell'inserto culturale del fine settimana

Come tutti i weekend nel giornale ci sono dodici pagine di inserto culturale. Ecco che cosa trovate in edicola (e potete scaricare qui dalle 23 di venerdì). 

 


  

Il Papa dell’est – L’intesa tra il Vaticano di Francesco e la Russia di Putin sui grandi temi internazionali mette nell’ombra perfino la questione sovranista. A dividerli c’è il rispetto della libertà religiosa – di Matteo Matzuzzi

 

Quei bravi ragazzi – “La ricca Germania ha una nuova religione: l’ipermoralismo”. Parla Alexander Grau. “Siamo i figli del benessere etico” - di Giulio Meotti

 

Abbiamo abolito i disoccupati – Nei paesi sviluppati sono ai minimi storici. Ma in Italia la cultura dell’assistenzialismo crea solo danni – di Stefano Cingolani

 

Il buon dissidente – E’ uno dei migliori esercizi di fantagiornalismo: immaginarsi un M5s che non esiste attraverso il mito del corretto ribelle – di David Allegranti

 

Balzac a spasso per tribunali – Ricordate il racconto del soldato che conviveva nel deserto con una pantera? Pensate ai Gip e alle procure – di Giuseppe Sottile

 

Copertine leggendarieDa Abbey road a Nevermind la musica non si ascolta, si guarda – Hanno iniziato i Beatles negli anni Sessanta a fare di ogni album un’opera d’arte. Poi è arrivata la pop art di Andy Warhol che ha rivoluzionato tutto. Indagine sui dieci dischi che hanno fatto la storia – di Salvo Toscano

  

L’impero della moda – Dalle sfilate alla Rupe Tarpea alla Magna Grecia. Il nostro passato splendore vende bene. In versione Hollywood sul Tevere – di Fabiana Giacomotti

 

Giochi di matrimonio – Cerimonie tra scambisti, reality e youtuber. Sposarsi è uno scherzo, ma agevola ancora il mutuo –  di Simonetta Sciandivasci

 

Librai erranti – Partivano da Montereggio, tra i monti della Lunigiana, dove sarebbe nato poi il premio Bancarella. Portarono la lettura in mezza Italia – di Federico di Vita

 

Nuovo Cinema Mancuso, una pagina con le recensioni di Mariarosa Mancuso delle ultime uscite nelle sale.

 

Tutta la Roma di mammà – Riapre palazzo Bonaparte a piazza Venezia. Qui visse Maria Letizia Ramolino, la (pia) madre
di Napoleone. Che disseminò nell’Urbe un generone di napoleonidi. Storie e leggende di ieri e di oggi – di Michele Masneri

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi