cerca

Sabato e domenica nel Foglio. Che cosa c'è nell'inserto culturale del fine settimana

Come tutti i weekend nel giornale ci sono dodici pagine di inserto culturale

22 Giugno 2018 alle 20:57

Sabato e domenica nel Foglio. Che cosa c'è nell'inserto culturale del fine settimana

L'uccello Meraviglioso Rivela l'Ignoto a una Coppia di Amanti (Della serie Le Costellazioni). 1941

Come tutti i weekend nel giornale ci sono dodici pagine di inserto culturale. Ecco che cosa trovate in edicola (e potete scaricare qui dalle 11 di venerdì)

 


 

A Milano non si usa - A proposito dell’esportazione di un sistema romano (la mazzetta immobiliare) nella città-stato meneghina e delle differenze tra le due capitali. Il fare, i soldi, i treni, la casa. Dialogo tra un lombardo e un romano - di Michele Masneri e Andrea Minuz

 

Tempo di avvocati - Dal premier Conte fino a Mr. Wolf. I gialloverdi al governo spalancano le porte al mondo del diritto. E il Censis studia il nuovo establishment - di Stefano Cingolani

 

Elogio del generone romano -  Affaristi con sogni di soldi e potere? Racconto sbagliato. Era una classe sociale portatrice di modernità - di Giuseppe De Filippi

 

Nomadi e alieni - Lo stigma dell’incapacità di civilizzarsi, della dedizione al furto e all’accattonaggio. Ha radici lontane il pregiudizio antizigano - di Michele Magno

 

Il maschio, inutile idiota - Dal guru Jordan Peterson alle geremiadi del Nobel Angus Deaton: in occidente un’obsolescenza dichiarata - di Giulio Meotti

 

Il cammino verso una libertà liberata dal desiderio - Viene spontaneo chiedersi, alla vigilia del Sinodo, se sia ancora pertinente la domanda maledettamente chiara di Jack Kerouac circa il camminare con una meta, soprattutto quella proposta dal cristianesimo - di Angelo Scola

 

Vestiti da ometti - La moda bambino torna al “mini me”, versione ridotta degli abiti di mamma e papà. E affiorano ricordi di sofferte eleganze - di Fabiana Giacomotti

 

L'arte acida dello sberleffo - Maciunas, Cage, Yoko Ono e gli altri. Anni Sessanta e frammenti di banalità. Tutto questo era Fluxus - di Ugo Nespolo

 

La famiglia dei boia - I Sanson, sette generazioni di carnefici. Charles-Henri il più famoso: fece cadere la testa di Luigi XVI. E prendeva appunti, ora in un libro - di Giuseppe Marcenaro

 

Nuovo Cinema Mancuso, una pagina con le recensioni di Mariarosa Mancuso delle ultime uscite nelle sale

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    23 Giugno 2018 - 15:03

    Il progresso ha tolto dignità ai Rom.70 anni fa li ricordo girare per i paesi a vendere callari in rame ed altro e fare manutenzione a quelli venduti.

    Report

    Rispondi

Servizi