cerca

Fatto e manette

Travaglio e Ardita (Csm) restano aggrappati all’incostituzionale “Spazzacorrotti”

15 Febbraio 2020 alle 06:00

Fatto e manette

Marco Travaglio (foto LaPresse)

La sentenza della Corte costituzionale che ha dichiarato illegittima la legge “Spazzacorrotti” voluta dal ministro Alfonso Bonafede nella parte in cui viene applicata retroattivamente ha provocato le solite reazioni giustizialiste, che sono tanto decise quanto difettose di lucidità. L’esempio principale è quello del Fatto quotidiano che ha titolato “Mafia Capitale, abbiamo scherzato” riferendosi agli effetti della sentenza dei giudici costituzionali su alcuni condannati nell’inchiesta “Mondo di mezzo”. Il titolo non è rispettoso della Consulta, ma in primo luogo non rispetta...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lubantonio40

    15 Febbraio 2020 - 20:24

    Mi meraviglio di lei direttore poiché la legge spazzacorrotti non è assolutamente incostituzionale. La corte ha semplicemente stabilito che non è retroattiva, ma questo non intacca la validità della norma sui cui la corte non ha proferito verbo. Le ricordo che la retroattività è stata applicata dalle varie corti in conformità alle sentenze della stessa corte costituzionale quindi è la corte che ha sconfessato se stessa secondo me applicando un principio costituzionale sacrosanto. Per concludere la legge Bonafede la spazzacorrotti è assolutamente legittima e in regola con i dettami costituzionali quindi direttore Cerasa trovo la sua affermazione stravagante almeno quanto l'ondivago comportamento della corte in questo frangente.

    Report

    Rispondi

Servizi