cerca

Ridiscutere il carcere a vita

Storica e giusta sentenza della Corte di Strasburgo contro l’ergastolo ostativo

14 Giugno 2019 alle 06:00

Ridiscutere il carcere a vita

Foto LaPresse

La Corte europea dei diritti umani ha chiesto all’Italia di rivedere le norme che regolano l’ergastolo ostativo (il carcere a vita), affermando che queste sono contrarie all’articolo 3 della Convenzione europea per i diritti umani, che vieta i trattamenti inumani e degradanti. L’ergastolo ostativo prevede che il condannato non possa ottenere, come gli altri detenuti, nessun beneficio (come riduzioni di pena o permessi d’uscita), a meno che non collabori con la giustizia. Il criterio della collaborazione, però, ha notato la...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • leless1960

    14 Giugno 2019 - 16:04

    Non entrerei nel merito della legittimità carcere a vita, ma porrei lo stesso un'altra domanda: ma qual è la logica degli sconti di pena? Cioè la rieducazione e la valutazione dell'impegno del detenuto a correggersi, questo lo capisco anche io, ma non sarebbe più logico fare il contrario? Ti condanno a nove anni, ad esempio, se ti comporti bene, buon per te, dopo nove esci e magari hai pure imparato un lavoro, se ti comporti male te ne fai dodici.

    Report

    Rispondi

  • verypeoplista

    verypeoplista

    14 Giugno 2019 - 10:10

    Per i mafiosi in "ostativo status", dopo i benefici, tutti in soggiorni obbligati "riabilitativi " in Danimarca, Svezia, Germania, Francia..... I più scuri di pelle (bronzei come me) in Islanda : si diventa più "bianchi",così tanto che sarà impossibile per loro essere riconosciuti nei paesini di origine; con il viso e le mani colorate al latte e dire "picciotti ca sugno" sarà come assistere al mitico duo Franchi-Ingrassia (a Zagarolo) .

    Report

    Rispondi

  • tenen314

    14 Giugno 2019 - 10:10

    Ma sì, prediamo esempio dalla civile Norvegia. Breivik, 77 morti, 21 anni di carcere: circa tre mesi ed una settimana per ogni assassinato. Ed ha pure avuto un risarcimento di 35.000 euro perché le condizioni nel carcere non erano all'altezza delle sue aspettative. Quando Kappler è fuggito dal carcere militare, alla Corte europea dei diritti dell'uomo (si intende l'uomo vivo, dei morti mi pare che se ne freghino abbastanza) avranno brindato. Forse i famigliari delle vittime delle Fosse Ardeatine un pò di meno.

    Report

    Rispondi

  • gesmat@tiscali.it

    gesmat

    14 Giugno 2019 - 09:09

    Ma chi presiede la corte europea dei diritti umani? Alice? quella del paese delle meraviglie?

    Report

    Rispondi

Servizi