cerca

La riforma anti corruzione riaccende gli animi forcaioli anche tra i magistrati

Il daspo a vita sacrifica la rieducazione del condannato prevista dal nostro ordinamento. Dubbi anche sugli agenti sotto copertura 

9 Settembre 2018 alle 06:26

E’ ancora attuale la Costituzione italiana?

Foto LaPresse

Roma. La riforma anticorruzione riaccende gli animi forcaioli, non solo del governo Lega-M5s ma anche dei magistrati. Giovedì sera il Consiglio dei ministri ha dato il via libera al disegno di legge finalizzato a rafforzare il contrasto alla corruzione e ribattezzato legge #SpazzaCorrotti. A ben vedere, sarebbe meglio definirla legge #SpazzaCostituzione, visto che molti dei provvedimenti contenuti si pongono in contrasto con la Costituzione italiana e alcuni principi basilari dello Stato di diritto. La principale misura prevista dal ddl è il daspo,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi