cerca

Il grillismo del ’92

L’orda moralista è cominciata nei giorni di Mani pulite, con un’intera classe dirigente sotto accusa e l’ipocrita autoassoluzione di un popolo

17 Giugno 2018 alle 06:00

Devastati da Mani Pulite

Da sinistra Gherardo Colombo, Antonio Di Pietro e Piercamillo Davigo

All’inizio del millenovecentonovantadue facevo il cronista giudiziario al Corriere della Sera e il 17 di febbraio era stato uno di quei giorni loffi che mi avevano indotto, verso le sette di sera, a dire “capo, oggi non c’è niente” e ad alzare i tacchi. Quando si dice il fiuto. Alle nove il “capo”, che era poi il formidabile Ettore Botti, grande giornalista y hombre vertical, mi telefonò a casa – allora di cellulari ne giravano pochissimi, e quei pochissimi non...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Silvius

    17 Giugno 2018 - 15:03

    Furono anni orribili e di brutti presagi, per chi sapeva leggere tra le righe. Tutti quelli che fino a un minuto prima si abbeverano al salotto di Craxi abiurarono sulla pubblica piazza (ricordo ancora l’abiura Di Trussardi, ma fu solo uno dei tanti), chi non si piegava semplicemente spariva. Io, che filo socialista non ero mai stato, appena sollevavo qualche dubbio su quanto stava accadendo e sul prezzo che avremmo pagato in seguito, venivo insultato anche dagli amici fraterni. Apprezzo questo pur tardivo “mea culpa” di categoria e apprezzo l’analisi sull’autoassoluzione del popolo italiano, una delle nostra grandi capacità. Mai ci assumiamo responsabilità delle nostre scelte: fra un po’ saranno tutti pentiti di aver votato come hanno votato, se ne dimenticheranno e voteranno qualche cosa di analogo ma con un look differente.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    17 Giugno 2018 - 14:02

    E nessuno si accorse che lItalia corrotta non secondo il cod.penale ma dal punto di vista antropologico culturale era quella di Dipietro e che oggi è rappresentata dal grillottismo che attualmente è è al mattino della sua ascesa politica ma quando arriverà a sera avrà molti di onestissimi nel registro degli indagati.

    Report

    Rispondi

Servizi