Il disastro dei sequestri

I beni sottratti dallo Stato alla mafia marciscono tra gli scandali. Che fine faranno quelli tolti ai corrotti?

Il disastro dei sequestri

Silvana Saguto, ex presidente della sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo: è accusata di aver gestito in modo spregiudicato i patrimoni sottratti alla mafia favorendo i propri famigli

Silvana Saguto, la potente presidente delle misure di prevenzione di Palermo, faceva il magistrato e curava gli affari di famiglia. Così sostiene l’accusa. Chi si piazzava sotto la sua ala protettiva otteneva prebende e consulenze, a condizione che ricambiasse i favori: dal trolley con dentro soldi in contanti agli incarichi per il marito ingegnere nelle amministrazioni giudiziarie, dalla corsia preferenziale per la laurea del figlio alla cassette di frutta e verdura per la dispensa della presidente, oggi sospesa dal servizio....

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi